Presentazione di Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi

Ciò che qui si trova rispetto ad altri luoghi, ovvero la dimensione incontaminata, la misura di un tempo che non è più il nostro, di un tempo ottocentesco...

XXXIII Edizione

Premio Giuseppe Malattia della Vallata 2020

PREMIAZIONE 6 SETTEMBRE 2020 A BARCIS

Segreteria del Premio

Casella postale 211 - 33170 Pordenone
Presidente: Maurizio Salvador
Componenti: Lorena Gasparini, Daniela Paulon, Cristina Roman

Servizio Informazioni

Pro Barcis
tel. 0427 76300 - fax 0427 764735

Comune di Barcis
tel. 0427 76014 - 0427 76187

 

Omaggio al Premio 2020
VOCI DI LUOGHI IX Edizione
Venerdì 7 agosto 2020, ore 20.45
Piazza lungolago, BARCIS




PREMIO LETTERARIO NAZIONALE
"Giuseppe Malattia della Vallata"



PORDENONE
Loggia del Municipio

Premio Pierluigi Cappello 2020

Giovedì 17 settembre 2020 ore 18.00


Incontro con Marcello Marciani e Giusi Quarenghi;
Aldo Colonnello, Fabio Franzin, Roberto Malattia, Maurizio Salvador e Christian Sinicco.
Presentano Valentina Gasparet e Giacomo Vit

Protagonisti i vincitori della III edizione del Premio Pierluigi Cappello:
Marcello Marciani con Revuçegne/Rovistamenti,
un canzoniere nel dialetto abruzzese d’area frentana,
e per la sezione dedicata all’infanzia Giusi Quarenghi, con la riedizione
della raccolta di rime Si può, magnificamente illustrata da Alessandro Sanna.

In collaborazione con
Premio Malattia della Vallata e Premio Cappello

vedi flyer

Cos'è il Premio Giuseppe Malattia

Fondato nel 1988 il Premio letterario “Giuseppe Malattia della Vallata” ha fatto confluire a Barcis, in Valcellina, poesie in lingua italiana, poesie nelle lingue delle minoranze etnolinguistiche italiane (albanese, catalano, grecanico, tedesco, occitanico, croato, franco-provenzale, friulano, ladino, sardo e sloveno) e nelle parlate locali e poesie in video. 

In occasione della trentesima edizione del Premio letterario è stato pubblicato il volume Lungo i sentieri della poesia che riunisce le poesie in lingua italiana e le poesie nelle lingue delle minoranze etnolinguistiche italiane e nelle parlate locali premiate, dal 1988 al 2017. 

Un sentiero lungo trent’anni è anche questa raccolta da percorrere cercando, dentro le parole, con la luce del sole o nel buio, colori, suoni e silenzi. 

Ogni poesia una sosta, per respirare, e capire, la vita.

Dopo ogni lettura si dovrebbe poter dire: “Qui c’è anche qualcosa di me, per me”.

Sale per l'ampia valle e si diffonde 
lento ed eterno il mormorio del fiume 
che passa. Al fondo d'una conca verde 
Barcis riposa.
(...)
Giuseppe malattia della Vallata
Barcis, estate 1905

I vincitori della XXXIII edizione del Premio Giuseppe Malattia della Vallata

Partecipanti 214

Vincitori

1° classificato
Daria De Pellegrini - Borgo Valbelluna (Belluno)
Strukakor - Pena

2° classificato ex aequo
Rino Cavasino - Firenze
Maludòrmiri - Malsonno

2° classificato ex aequo
Maurizio Noris - Albino (Bergamo)
I girani d'avrìl - I gerani d'aprile

3° classificato
Giovanni Laera - Polignano a Mare (Bari)
Latuérne de figghie - Lamento di figlio

Finalisti

Emanuele Bertuzzi - Rauscedo (Pordenone)
Ta dô' peraulis - In due parole

Jacopo Curi - Appignano (Macerata)
Šcritta 'a voce c'ha 'n antru sônu
Scritta la voce ha un altro suono

Andrea De Luca - Lecce
Étude n.1 - Étude n.1

Clara Kaisermann - Mezzolombardo (Trento)
La lista - La lista

Stefano Lombardi - Precenicco (Udine)
Lagrimis - Lacrime

Claudio Pasi - Camposampiero (Padova)
Spéjja - Spia

Edoardo Penoncini - Ferrara
Quand l'amór al ciàpa 'n vèc
Quando un vecchio s'innamora

Segnalazione speciale

Sezione Gialla, 25 bambini di 5 anni e le insegnanti Raffaella Serenari e Nicoletta Suzzi Scuola dell'Infanzia Grazia Deledda I.C. 22 - Bologna
Al sport - Lo sport

vedi le poesie

vedi fascicolo del Premio Giuseppe Malattia della Vallata

Alcune foto della XXXIII edizione del Premio Giuseppe Malattia

I vincitori della III edizione del Premio Pierluigi Cappello

Premio a un libro di poesia nei dialetti e nelle lingue minoritarie

MARCELLO MARCIANI
Revuçegne/Rovistamenti
(Puntoacapo, 2019)

Premio a un libro di poesie per bambini e ragazzi in lingua italiana o nei dialetti e nelle lingue minoritarie

GIUSI QUARENGHI
Si può
(Franco Cosimo Panini, 2019)

vedi fascicolo del Premio Pierluigi Cappello

Alcune foto della III edizione Premio Pierluigi Cappello

News

MARCELLO MARCIANI VINCE IL PREMIO DEDICATO A CAPPELLO

MESSAGGERO VENETO - 18.09.2020 - Il poeta Pierluigi Cappello amava moltissimo Barcis, era amico e giurato del Premio Malattia della Vallata. Non aveva mai dimenticato la sua lingua friulana e aveva grande interesse per la poesia dialettale. Così per...

IL PREMIO PIERLUIGI CAPPELLO A MARCIANI E QUARENGHI

IL GAZZETTINO - 18.09.2020 - Nato nel 2018, il Premio Pierluigi Cappello è un'iniziativa rilevante nel panorama poetico della regione e non solo, sia per l'omaggio a uno dei più incisivi autori friulani, Cappello appunto, scomparso nel 2017, sia...

IL PREMIO CAPPELLO 2020 DA BARCIS A PORDENONE

IL POPOLO - SPECIALE - 13.09.2020 - Il "Premio Pierluigi Cappello" - giunto alla terza edizione - quest’anno arriva a pordenonelegge, che collabora all’organizzazione con il Comune di Barcis, la Pro Barcis e il Circolo Culturale Menocchio. E a...

I VINCITORI DEL PREMIO MALATTIA

IL POPOLO - CULTURA E SPETTACOLO - 13.09.2020 - In tutti questi anni – ha sottolineato all’apertura della cerimonia di premiazione del Premio Malattia, domenica 6 settembre, Maurizio Salvador, presidente del Comitato organizzatore - non è aumentata...

POESIA E RISCATTO IN VALCELLINA. LA PANDEMIA NON HA FERMATO IL PREMIO

MESSAGGERO VENETO ED. PORDENONE - 09.09.2020 - Cosa ci ha dato la forza per andare avanti nonostante l'emergenza Covid? La poesia e la vicinanza dei poeti durante il lockdown. Alcuni ci telefonavano dalle zone più colpite dall'epidemia Covid. In...

POESIA BELLUNESE VINCE IL MALATTIA DELLA VALLATA

IL GAZZETTINO ED. PORDENONE - 07.09.2020 - Il poeta lavora con le parole come il muratore usa i mattoni per costruire una casa. Se i mattoni sono rovinati o già usati la casa non viene così bella come potrebbe essere.

PERCHÉ’ SCRIVERE POESIA IN DIALETTO, DI GIACOMO VIT

Vorrei proporre ai presenti una breve riflessione incentrata sulla domanda “Perché scrivere oggi poesia in dialetto?” Insomma, perché affidarsi a una parlata materna che ha radici lontane, quando ci troviamo in un mondo globalizzato, aperto a ogni...