Premio Giuseppe Malattia: Le poesie 2018

Le poesie

Le Poesie premiate nel 2018


Saragei Antonini - Catania - I classificato - U chiòvu - Il chiodo

U chiòvu -

iù ci pinsu spìssu o chiòvu -

all'amùri ca avi -

chiantatu -

mènzu intra e mènzu fora -

nuddu avi st'amùri -

ri starisi femmu -

farisi fozza -

u chiòvu è sulu -

nasci sulu -

rui chiòva assemi nun si virunu mai -

'ndo stissu puntu -

ro chiòvu iù sacciu sulu a testa -

chidda ca viru -

ma u cori l'avi fossi 'nta punta -

chidda ca trasi 'n funnu

e a viristi sulu 'na vota.

Il chiodo -

io penso spesso al chiodo -

all'amore che ha -

piantato -

mezzo dentro e mezzo fuori -

nessuno ha quest'amore -

di starsi fermo - farsi forza -

il chiodo è solo - nasce solo -

due chiodi insieme non si vedono mai -

nello stesso punto -

del chiodo io so solo la testa -

quella che vedo -

ma il cuore ce l'ha forse nella punta -

quella che entra in fondo

e l'hai vista solo una volta.

 

 

Marcello Marciani - Lanciano (Chieti) - II classificato - A Serge, frateme - A Sergio, mio fratello

Quanne te sî spusate sole capìte

ca la çiannafìcure de le jurnate

trezzecate aunìte struscènne struscènne

s'avè' štuccate... tu te n'avì' štrajte

gne nu principe zumpate a nu cavalle,

i' avé' remašte a fa' rešcuppà' le bbolle:

šcurtecóne longhe nche li scarp'asciùte.

 

Quanne te sî 'ccasate s'ha sbuïtate

lu bahujje de le revuçegna ti':

a une a une me le so' repassate

pe capì' dentr'a lu té chi ere i'

ma me sî ditte curre nte 'nserrà' cchiù

študìjete a dà' nu sole a sse jurnate

sennó la vite te 'nfónne te sî štute.

 

Mo' che ti sî štutate, pe' la cavute*

che dinte de judizie mi sî lassate!

Lu Tempe vecchiarelle già l'ha 'ndurate

pe' cucchià' du' spicce di relliquie mute.

A scarp'asciùte corre p'arecchiapàrte

ma che cianchétte fî nche štu sulén?ïe.

'Mpizz'a nu sonne i' me t'arràmpeche. Senze.

Quando ti sei sposato ho capito

che l'altalena delle giornate

dondolate insieme strofinando

strofinando

s'era spezzata... tu te ne eri stra-andato

come un principe saltato su un cavallo

io ero rimasto a far riscoppiare le bolle:

ultimarrivato lungo con le scarpe slacciate.

 

Quando ti sei accasato s'è svuotato

il baule dei tuoi rovistamenti:

a uno a uno li ho passati in rassegna

per capire dentro al tuo (vissuto) chi ero io

ma mi hai detto corri non serrarti più

sbrigati a dare un sole a queste giornate

sennò la vita ti affonda ti si spegne.

 

Ora che ti sei spento, per il tombino

che denti di giudizio mi hai lasciato!

Il Tempo vecchierello già li ha indorati

per radunare due spiccioli di

reliquie mute.

A scarpe slacciate corro per riacchiapparti

ma che sgambetto mi fai con

questo silenzio.

In punta a un sogno io mi t'arrampico. Senza.

 


Maurizio Noris - Albino (Bergamo) - III classificato - I fómne de Srebrénissa - Le donne di Srebrenica

I è 'ndàcc de ön'ótra banda

i òm

e i s-cècc

co i camise stósse

de nigra tèra

i parìa cöe sö i càmius

selvagìna

insambelada

'n de laméra.

 

'N del vènt

no i è che pedàgn

sènsa ö fónd de cél

spuse sènsa paìs

màder

ch'i gh'à descüsit

la sira.

 

I spèta

ö sguarsègn

ön avìs

ol biónd d'ö ciöf

che 'nsèra,

col café

i se brüsa

i büse di öcc

e 'n del fa sito

la và 'nnàcc

col sò rumùr

la guèra.

Sono andati da un'altra parte

gli uomini

e i ragazzi

con le camicie sporche

di nera terra

parevano covoni sui camion

selvaggina

intrappolata

nella lamiera.

 

Nel vento

non sono che sottane

senza un fondo di cielo

spose senza paese

madri

che han scucita

la sera.

 

Aspettano

una smorfia

un avviso

il biondo d'un ciuffo

che rinserra,

col caffè

si bruciano

le buche degli occhi

e nel silenzio

va avanti

col suo rumore

la guerra.


 


Le Poesie finaliste nel 2018

Bianca Borsatti - Claut (Pordenone) - Udór de bón - Profumo di buono

Te me portava

macs de desolóda

de s-ciopete, garófoi

fiórs de stèc

vúes dela Madóna

e calche stéla alpina.

Ti comedava tai vas

tai piath

cul perón ta la miéth.

La to ciasa

la savéa de bars

de mónth de pras.

I murs

nó i a perdú l'udór.

Mi portavi

mazzi di erica selvatica

di genziane, botton d'oro

fiori di stecco

non ti scordar

e qualche stella alpina.

Li aggiustavi nei vasi

nei piatti

col sasso al centro.

La tua casa

aveva sapore di cespugli

di monti di prati.

Le pareti

non hanno perso il profumo.

 


Francesco Crosato - Carbonera (Treviso - Gramégna! - Gramigna!

In mèso chel futìo de erbe e de erbete

a chii fìi de fiéti de spighéte…

mussàti ragneti moscatèi

bisséti formighe scarabei

vespe s'cioséti sechi lanbréte

mosche d'oro moschìti e cavaéte…

e po' tuto chel zisoeàr

e ss ss ss ss ss

e ss ss ss

chel sbatoeàr de ae de aéte

chel remenàrse de satine ine ine

chel vagoeàr cofà tante brisighéte…

Un quadrifòjo!

Te 'o ga visto prima ti

'o go visto prima mi

ma se te continui a tirarlo cussì…

Chi lo ga trovà

fortunoso fortunà

se lo tègna

Gramègna!



In mezzo a quella moltitudine

di erbe e di erbette

a quei fili di filetti di spighette…

moscerini ragnetti moschini

biscioline formiche scarabei

vespe chioccioline secche lambrette

mosche d'oro moschiti e cavallette…

e poi tutto quel ronzare

e ss ss ss ss ss

e ss ss ss

quel dibattersi di ali di alette

quel dimenarsi di zampine ine ine

quel vagolare come tante biciclette…

Un quadrifoglio!

L'hai visto prima tu

l'ho visto prima io

ma se continui a tirarlo così…

Chi l'ha trovato

fortunoso [scherzoso] fortunato

se lo tenga

Gramigna!

 


Mario Cubeddu - Seneghe (Oristano) - Sas bisionez zustas - Faccio sogni ragionevoli

Sas bisiones mias sun cosas de dogni die

babai è mortu cuntentu

pariat ca arridiat cun sa 'ucca

o fuit sa maradia, non dh'iscu

su sero innantis seo andau a una festa

ca fiat sos annos e teniu de li dare

s'arregallu, il Maestro e Margherita.

Mamai non si nd'est mancu acatada

no at nau nudda, penzau ca fuit s'amore

su manzanu apustis l'ind an torrau a domo

fuit mortu in s'ambulanza e fuit solu

cun s'infermieri

finzas mortu pariat contentu,

cun cuddu arrisieddu sua.



La mia vita è sogni a occhi aperti

mio padre è morto in modo semplice

aveva un sorriso sulle labbra

gli ultimi giorni

era contento

non si è arrabbiato se il giorno prima

sono uscito per andare a una festa

di compleanno

avevo comprato il Maestro e Margherita

mamma non se n'è accorta,

non ha detto niente

credevo di essere innamorato

la mattina dopo lui è morto

sull'ambulanza che lo riportava a casa

solo con l'infermiere nessuno lo ha visto

ma io so che sorrideva.

 


Vincenzina Di Muzio - Manoppello (Pescara) - A la matìne de lu terremote - Il mattino dopo il terremoto

Dapù la longa notte de préte

spuntene balcune azzittite

'ngullate a cajiole de trestézze,

sijihuzze de santuarije de famijie.

Arencuménze le trettecate a revuscicà

déntre a mumìnde de vite 'mbese

a mucchije de suménde de ruvine,

terrebbele 'nfiurate de deserte,

e sfracchjiene ombre pesande e maledette

'ngolle a na traggedije nate mute

e strellate sénza fine a squarciahole.

E hanne state vie e putéche

e hanne state chijese e case

e mo' aneme staccate da le curpe

sopr'a lenze de 'nu sole scunzulate

che ojie se more aunìte a jiere.



Dopo la lunga notte di sassi

spuntano balconi silenziosi

incollati a gabbie di tristezza,

singhiozzi di santuari familiari.

Ritornano le scosse a frugare

in secondi di vita rimasti sospesi

nei cumuli di semi di macerie,

mostruose inflorescenze di deserto,

e schiacciano ombre pesanti e ree

addosso a una tragedia nata muta

e urlata senza fine a squarciagola.

E furono vie e negozi

e furono chiese e case

e sono anime dissaldate da corpi

nelle strisce sconsolate del sole

che muore oggi insieme al suo ieri.

 


Clara Kaisermann - Mezzolombardo (Trento) - Stagion - Stagioni

No gh'è mai stà 'ntrà de lori

na bèga granda, musi e cere

o 'n tradimént.

L'è stà che la gavéta

che tèn ensèma le stagion

col nar del temp la s'è fruàda,

e i s'è trovadi tut de cólp

con 'n fil ligér, come na bàva de séda,

setìla tant che na terlaìna.

Destacàdi.

Un de qua e un de là.

Élo, sèmper encucià

'n l'invèrn e

èla sèmper a scarmenón

da la primavera 'nfin l'aotón.



Non c'è mai stato tra di loro

un litigio grande, musi lunghi e bronci

o un tradimento.

È stato che lo spago sottile

che tiene unite le stagioni

con l'andare del tempo si è logorata

e si sono trovati tutto d'un colpo

con un filo leggero, come una bava di seta

sottile come una ragnatela.

Distaccati.

Uno di qua e uno di là.

Lui sempre accucciato

nell'inverno e

lei sempre a sparpaglio

dalla primavera fino a l'autunno.

 


Michele Obit - San Pietro al Natisone (Udine) - Zabardo - Zabrida

Vzel so za sabo puno reči -

tudi razdalje,

ki je bluo med telim svietom

obiunega trebuha

an tistim, ki se ga zmislim -

ob sabotah, ko smo šli gor

v vas - če štier hiše so zaries vas -

an sednjeni na klop smo pogledal

malo dol

cikorjo, ki je rasla an drevuo čiešp.

Teta moje mame nam je kajšan

krat šenkala

jajca - donas so pustil odparte

vrata od hiše - naj malo ajarja gre uon.



Si sono presi molte cose -

anche la distanza

che c'era tra questo mondo

dalla pancia obesa

e quello che ricordo -

dei sabati quando si saliva

al paese - se quattro case sono un paese -

e seduti sulla panca si osservava

poco più in basso

la cicoria che cresceva e il susino.

La zia di mia madre a volte

ci regalava

delle uova - oggi hanno lasciato aperta

la porta di casa - che passi un po' d'aria.

 


Salvatore Pagliuca - Muro Lucano (Potenza) - [Nascij r' sett' mis', a novembr'] - [Nacque settimina, a novembre]

Nascij r' sett' mis', a novembr'

ropp' li muort', Luciett'.

Nu misciugghiuzz' arrapicchiat',

nu facciugghj liriv' r' mort'.

'Nun chiang'' s' lamentaj la mamma

stracqu'.

La sciusciaj 'mmocch' la mamman',

la pigliaj r' caposott', la tuculaj,

l' frecaj nu šcaffetton' 'nfacc'.

Chiangij la mamm'.

Luciett' muvij nu vrazz'.

Po' nu suspir luongh'

ca s' sucaj lu munn'.



Nacque settimina, a novembre

ai primi del mese, Lucietta.

Un micettino pieno di pieghe,

una faccina livida di morte.

'Non piange' si lamentò spossata

la mamma.

Le fiatò in bocca l'ostetrica,

la mise a testa in giù, la scosse,

le diede uno scappellotto in faccia.

Piangeva la mamma.

Lucietta mosse un braccio.

Poi un sospiro lungo

che prosciugò il mondo.

 


Alfredo Panetta - Settimo Milanese (Milano) - Serpi e gelsumini - Serpi e gelsomini

Esti com'un pruppu pistatu

nta li scogghjia stu venthu

njelatu chi schjiafija l'ossa.

 

Cusapi undi nesci 'u hjiumi

d'odiu c'arma 'u pugnu è pathri

e porta inta 'i figghji nt'è caverni!

 

Non cchjiù 'i zàgari l'arria

fici hjiarvu stu sammartinu

ma du sangu feroci nto costatu.

 

Nu spruzzu di purvari affuca

'u rispoiru 'i 'na terra chi sbuja

serpi e gersumini du stessu sputu.

 

'Na povara Maria porta 'nto petthu

comu fattha cruci 'a sconfitta

e nuju u si permetti pemmu jetta

'a prima pethra o u staci ccittu.

 

U nci dici 'a vita 'u nosthru passu

u ndi nzigna 'a virgogna

sta storria d'omertà e miserria.

 

Paghuri picca umani ti neganu

'u ripetthu, Caru Prof. mò

chi ndavarissi bisognu di palori.

 

È come un polpo sbattuto

sugli scogli questo vento

gelido che schiaffeggia le ossa.

 

Chissà dove sorge il fiume

d'odio che arma il pugno ai padri

e trascina i figli alle caverne!

 

Non più di zàgare l'aria

ha profumato quest'autunno

ma del sangue feroce del costato.

 

Una raffica di polvere soffoca

il respiro di una terra che sboccia

serpi e gelsomini dallo stesso sputo.

 

Un'umile Maria porta

sul petto a croce la sconfitta

nessuno si permetta di scagliare

il primo sasso o di tacere.

 

Ci indichi il vissuto il nostro passo

c'insegni il pudore questa storia

di omertà e miseria.

 

Paure poco umane ti negano

il rispetto, caro Prof. ora

che avresti bisogno di parole.

 


Annalisa Teodorani - Santarcangelo di Romagna (Rimini) - Pr'andè dalòngh - Per andare lontano

Ènca s'a n'ò

un french sa sbat sa cl'èlt

l'è l'istès.

Oz a i ò

e' sòul te cór

e vént tal bascòzi

e una vàila ti ócc.

Pr'andè dalòngh e' basta póch

e par avdòi l'arcobaleno

e basta daquè al pimidóri.



Anche se non ho

un soldo da sbattere con l'altro

è lo stesso.

Oggi ho il sole nel cuore

il vento nella tasche

a una vela negli occhi.

Per andare lontano basta poco

e per vedere l'arcobaleno

basta innaffiare i pomodori.